recensioni

Lorenzo Gasparrini, maschi e femminismo

Saaalve carissim*, come state? Se non pubblico da circa un mese e mezzo è perché, ormai lo sapete, sono una persona scostante ma ci sto lavorando (ma chi te se fila sabrì). Comunque oggi vi parlo di un autore che vi ho già nominato ogni tanto, un po’ a singhiozzo, nell’attesa di parlarvene per bene… Continua a leggere Lorenzo Gasparrini, maschi e femminismo

recensioni

La Stanza, di Jonas Karlsson

La Stanza è il primo romanzo di Jonas Karlsson, scrittore svedese che tra l'altro fa anche l'attore (potreste averlo visto in Black Mirror, ep. 03x06) e al quale, evidentemente, piace creare o partecipare a cose disturbanti. Perché Black Mirror è alquanto disturbante e La Stanza è alquanto disturbante. Poi di viso assomiglia a Draco Malfoy.… Continua a leggere La Stanza, di Jonas Karlsson

recensioni

La Valle della Paura, di Arthur Conan Doyle

Quando ero piccola mia sorella lesse una versione per bambini di Le Memorie di Sherlock Holmes e ci entrò talmente in fissa che volle costringere anche me a leggerlo: io, da brava bimba molto aperta di mente, odiavo i gialli senza mai averne letto nemmeno uno, per cui lo lessi continuando a ripetere a mia… Continua a leggere La Valle della Paura, di Arthur Conan Doyle

recensioni

Sogno di una notte di mezz’estate, di William Shakespeare

Essendo un Leone ascendente Bilancia io sono tendenzialmente d'indole melodrammatica, cosa che mi porta a preferire le tragedie alle commedie, e questo è il motivo per il quale ero sicura che non avrei apprezzato "questo" Shakespeare come gli altri. Ovviamente anche noi Leoni ascendenti Bilancia facciamo errori, per quanto il nostro sentirci delle divinità ci… Continua a leggere Sogno di una notte di mezz’estate, di William Shakespeare

recensioni

Ammazzati amore mio, di Ariana Harwicz

Ammazzati amore mio è il primo romanzo dell'argentina Ariana Harwicz, ma tutto sembra tranne che un libro d'esordio: la storia di una madre sull'orlo dello squilibrio mentale, ingabbiata in un ruolo che farebbe letteralmente di tutto pur di scrollarsi di dosso ci viene raccontata con una narrazione ben lontana dalla prudenza e dall'oculatezza di chi… Continua a leggere Ammazzati amore mio, di Ariana Harwicz

recensioni

Acrobazie, di Alessandro Trasciatti

Queste ultime settimane sono state per me particolarmente disordinate, frantumate, avevo talmente tanto per la testa che non riuscivo a concentrarmi su niente, e in casi come questo, quando ho voglia di leggere qualcosa che non impegni la mia precaria attenzione troppo a lungo, mi vengono in aiuto le raccolte di racconti: "Acrobazie" di Alessandro… Continua a leggere Acrobazie, di Alessandro Trasciatti

recensioni

Odio gli uomini, di Pauline Harmange

Oggi mi do anch'io alle recensioni pop parlando di un libro che negli ultimi mesi è esploso ovunque, imbrattando di bile e veleno l'universo dei lettori, il mondo femminista e, tanto per non farsi mancare niente, anche quello dei profili social che solitamente non trattano né l'una né l'altra cosa. Il libro in questione è… Continua a leggere Odio gli uomini, di Pauline Harmange

recensioni

Il giorno della civetta, di Leonardo Sciascia

Il giorno della civetta, scritto nel 1960 e pubblicato l'anno seguente, per rompere il mutismo e il negazionismo aberrante attorno alla mafia sceglie la forma del racconto: non un saggio, non un'inchiesta, ma una forma letteraria ampiamente accessibile e sicura, schermata com'è dietro quel (bugiardo, sarcastico, amaro) "inutile dire che non c’è nel racconto personaggio… Continua a leggere Il giorno della civetta, di Leonardo Sciascia

recensioni

Sirene, di Laura Pugno

Il primo romanzo di Laura Pugno, pubblicato nel 2007 e recentemente ripubblicato dalla Marsilio Editore, è un racconto breve e feroce che ha ben poco del candore e dell'ingenuità delle fiabe di sirene a cui siamo abituati. "Sirene" è un distopico di denuncia che fonde insieme speculazione fantascientifica, elementi fantasy e una spietata, furente doppia… Continua a leggere Sirene, di Laura Pugno

recensioni

Blu Quasi Trasparente, di Murakami Ryu

"Ogni cosa irradia luce propria." Se vi è piaciuto Haruki Murakami o cercate qualcosa di simile alla sua scrittura onirica e soffice questo è il libro sbagliato. Murakami Ryu è più simile a Chuck Palahniuk in "Soffocare" o in "Gang Bang", a Irvine Welsh in Trainspotting, o ai Cannibali in "Gioventù Cannibale": è disturbante, secco,… Continua a leggere Blu Quasi Trasparente, di Murakami Ryu