ANTOLOGIA DI SPOON RIVER di Edgar Lee Masters

Tra il 1914 e il 1915 l’americano Edgar Lee Masters pubblica una raccolta di poesie in versi liberi, con l’obiettivo di denudare e smascherare i segreti e le ipocrisie di una piccola (immaginaria) cittadina rurale americana, Spoon River.

La sua antologia è una sorta di “storia a puntate” dai toni gotici e dai rimandi TimBurtoneschi, raccontata in poesia:

248 apparizioni, 248 fantasmi sepolti nel cimitero di Spoon River, emergono da sotto terra e recitano il proprio epitaffio. Ogni poesia porta il loro nome e racconta la loro vita, che non di rado è collegata ad altre, in modo che, alla fine, ne emerga una sola macro-trama: la vita di Spoon River.

Alcuni ne hanno anzi individuate 19 di trame “principali” cui le diverse poesie di riferiscono, rendendo la lettura persino avvincente e interessante come fosse un romanzo.

Tramite le vicende degli abitanti del ristretto ecosistema di Spoon River, in realtà Masters volle descrivere i peccati che accomunano l’intera umanità:

gli abitanti della cittadina americana sono infatti, nella morte, ormai liberi dalle cerniere che serravano loro le labbra in vita, e possono finalmente scaricarsi di dosso un peso denunciando crimini e illegalità di cui furono testimoni, e persino autodenunciandosi, senza perdere onore, rispettabilità, conquiste materiali o sociali, o qualsiasi cosa fosse che in vita li tratteneva.

Spoon River è una cittadina immaginaria, inventata dallo stesso autore, ma i personaggi sono ispirati ai cittadini realmente esistiti dei paesini di Lewistown e Petersburg, nell’Illinois, dove l’autore visse e crebbe: molti di loro erano ancora in vita quando Master pubblicò la sua opera, e non furono troppo contenti di vedere le proprie segrete vicende così apertamente esposte al pubblico, e non tanto per le storie in sé che le poesie raccontavano, quando per come venivano raccontate: i protagonisti di ogni componimento non hanno più alcun legame con la vita, hanno perso l’interesse per ciò che fino all’istante prima di morire tanto avevano a cuore, non soffrono più di rancori, rabbia, rimpianti, e non hanno dunque paura a testimoniare con assoluta sincerità e trasparenza, senza filtri, con distacco e naturalezza.

Vista così, l’Antologia di Masters è più che una raccolta di poesie di valore letterario, ma assume anche un’importanza politica e civica per la storia americana:

giudici corrotti, gente importante e con una certa nomea, che commise stupri,violenze,omicidi, furti,rimanendo impunita nell’omertà generale; persone condannate ingiustamente per coprire crimini commessi da altri più potenti e famosi, grida di denuncia da parte di giovani che avrebbero preferito finire in carcere per “piccoli furti”, piuttosto che morire in una guerra di cui non condividevano gli ideali, sotto terra con un beffardo angelo marmoreo ad erigerli a martiri ed eroi.

Ricapitolando: dei fantasmi in una fredda, grigia e tetra cittadina rurale americana di inizi Novecento escono dalle loro tombe e iniziano a parlare. Già la cosa ha il suo fascino, capirete bene, specie se si è sotto Halloween.

L’ambiente è gotico e tetro, il tono dei narratori è solenne, smorto e apatico, eppure le emozioni che essi provavano in vita emergono chiare, forti e vivide dalla pagina, e il lettore se le sente esplodere addosso come proiettili: fanno tanto male al cuoricino.

I morti che rivelano la vera Spoon River dalla propria tomba lo fanno con un’eleganza liscia e scorrevole, scegliendo parole mai troppo ricercate ma evocative ed efficaci, che rendono le poesie godibili anche per chi (come la sottoscritta) non è particolarmente attratta dalla poesia, ma lo è dal goth e cerca qualcosa che ricordi un Edgar Allan Poe un po’ meno estremo.

Queste sono due tra le mie preferite: due perché sono collegate tra loro, tra le mie preferite sia per il tema dei genitori che mi è molto caro, sia perché rappresenta bene il tono tristemente bigotto che Master voleva denunciare con la sua Antologia:

 

 

Mrs. Charles Bliss

Il Reverendo Wiley mi consigliò di non divorziare
per il bene dei figli,
e lo stesso consigliò a lui il Giudice Somers.
Così tirammo avanti fino alla fine del sentiero.
Ma due dei bambini pensavano che avesse ragione lui,
e due dei bambini pensavano che l’avessi io.
E i due dalla sua parte condannavano me,
e i due dalla mia parte condannavano lui,
e soffrivano per quello di cui prendevano le parti.
E tutti erano dilaniati dalla colpa del giudicare, 
e torturati perché non potevano ammirare
egualmente lui e me.
Ora ogni giardiniere sa che le piante cresciute nelle cantine
o sotto le pietre, sono contorte e gialle e indebolite.
E nessuna madre farebbe succhiare al suo bambino
 latte malato del suo seno.
Pure, giudici e predicatori, consigliano di allevare le creature 
dove non c’è luce del sole, ma soltanto crepuscolo,
nessun calore, ma solo umido e freddo-
giudici e predicatori!

Rev. Lemuel Wiley

Predicai quattromila sermoni,
condussi quaranta revivals,
e battezzai molti convertiti.
Pure, nessuna mia azione
brilla più fulgida nel ricordo del mondo
e nessuna è a me più cara:
guardate come salvai i Bliss dal divorzio,
e tenni i bambini lontani dalla sventura 
perché crescessero uomini e donne morali,
felici essi stessi, un vanto per il villaggio.
 

★ ★ ★★ ✰

Edizione di riferimento:
Newton Compton Editori (Paperback poeti), sesta edizione Maggio 1978. (vecchiotta, eh?)
Tradotto da Letizia Ciotti Miller

sabrina

2 pensieri riguardo “ANTOLOGIA DI SPOON RIVER di Edgar Lee Masters

  1. […] 1. Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters: è una raccolta di poesie molto singolare, in cui i narratori sono fantasmi che, usciti dalle proprie tombe, raccontano la propria storia con distaccata amarezza. Molte sono tristi e crude, altre serene e prive di rimpianti: sono tutte bellissime, comprensibili e accessibili, di un realismo doloroso e un tono grigio e tetro che fa tanto “notte degli spiriti” ( ma sì, lo so che l’Antologia di Spoon River è molto più che una storia di fantasmi… infatti, l’ho recensito qui!) […]

    "Mi piace"

  2. […] 1. Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters: è una raccolta di poesie molto singolare, in cui i narratori sono fantasmi che, usciti dalle proprie tombe, raccontano la propria storia con distaccata amarezza. Molte sono tristi e crude, altre serene e prive di rimpianti: sono tutte bellissime, comprensibili e accessibili, di un realismo doloroso e un tono grigio e tetro che fa tanto “notte degli spiriti” ( ma sì, lo so che l’Antologia di Spoon River è molto più che una storia di fantasmi… infatti, l’ho recensito qui!) […]

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...